SONGS FOR ETERNITY
Mantova, Sinagoga Norsa Torrazzo 18 aprile 2016 – Teatro Bibiena 19 aprile 2016
Center for Jewish History - New York, 6 aprile 2016

 
 

Aprile 2016
Presentation Concert NY

Per celebrare Mantova Capitale Italiana di Cultura e i 20 anni del Festivaletteratura, la prima italiana di uno straordinario concerto "Songs for Eternity" replicato per due sere: il 18 aprile nell'antica sinagoga Norsa Torrazzo, ore 20.30 (solo su inviti), e il 20 aprile al Teatro Bibiena, gioiello di architettura e di acustica, alle ore 20.30.

Ute Lemper, la grande cantante e artista tedesca, si è esibita in un repertorio di canzoni scritte nei campi di concentramento da musicisti ebrei deportati, molti dei quali morirono nelle camere a gas. Sono canzoni di grande bellezza, con parole struggenti, spesso scritte da poeti.

Moni Ovadia, che ha fatto conoscere in Italia la cultura e il teatro yiddish, ha raccontato le storie di come le canzoni sono state scritte e ritrovate, grazie al lavoro di Francesco Lotoro, un musicista pugliese che da trent'anni dedica tutto il suo tempo e tutte le sue risorse alla ricerca di testimonianze musicali che provengono dai luoghi di detenzione della Seconda Guerra Mondiale.

Ne ha raccolte 17.000, sui supporti più diversi: carta igienica, brandelli di sacchi di iuta, pezzi di tessuto, carta oleata, moltissimi solo impressi nella memoria dei sopravvissuti e pazientemente trascritti. 5.000 li ha già studiati, trascritti e registrati, ed è convinto di poterne scovare ancora un gran numero, se riuscirà a incontrare reduci dai campi di concentramento che potrebbero ricordarli.

E' un patrimonio di inestimabile valore culturale, testimonianza di come lo spirito non si dia per vinto anche nella condizioni più drammatiche e di come il bisogno di creare bellezza sia connaturato all'essere umano. Nella battaglia contro l'annientamento e contro il Male assoluto, la musica è vittoriosa. Le SS hanno ucciso fisicamente i compositori, ma la loro voce perdura ed è monito alle coscienze.

"Come tedesca nata in Germania dopo la guerra, sento la responsabilità e la necessità etica di testimoniare la storia dell'Olocausto, alla quale sono molto sensibile e che mi tormenta. Voglio così non solo rendere omaggio alla cultura ebraica, ma anche stimolare il dialogo su questo terribile passato" spiega Ute Lemper.

La città di Mantova si è mobilitata intorno a questo evento, che è stato fortemente voluto dal Sindaco, Mattia Palazzi, dagli organizzatori di Festivaletteratura, dalla Comunità Ebraica di Mantova, una delle più illustri d'Italia, ma anche dai mantovani stessi, che hanno costituito un comitato attivissimo nella raccolta fondi promosso da Angiola Bassani Bianchi, mantovana di origine ebraiche (legata alla famiglia Bassani di Ferrara e parente dell'autore del "Giardino dei Finzi Contini") e da sua cognata Marzia Monelli Bianchi.

Sostenuto da due importanti realtà locali, Banca Galileo e Gruppo Sicla, il concerto ha portato a Mantova un gruppo straordinario di musicisti: il virtuoso di violino Daniel Hoffman, israeliano, il grande bandoneon argentino Victor Villena, il clarinettista jazz Andrea Campanella e il contrabbassista Giuseppe Bassi. Al pianoforte lo stesso Francesco Lotoro, che ha già accompagnato la Lemper in questo repertorio a New York.

"Lotoro ha bisogno di sostegno economico per finire di studiare, trascrivere, catalogare, registrare le partiture raccolte e per cercare quelle che ancora mancano: un lavoro urgentissimo, perché il numero dei sopravvissuti si assottiglia di giorno in giorno e con loro scompare l'unica possibilità di recuperare le musiche impresse nella loro memoria" spiega Viviana Kasam che ha ideato e organizzato il concerto insieme a Marilena Citelli Francese e Donatella Altieri, presidente della Onlus LastMusik, nata per sostenere il lavoro di Lotoro.




Sito realizzato da
AFTER S.r.l.
Associazione Culturale MUSADOC - Via Antonio Bertoloni 55 • 00197 Roma • Tel. 068070645 • Fax 068412740