IL PRESEPE. RELIGIOSITA’ E TRADIZIONE POPOLARE
Palazzo del Quirinale
Roma 14 dicembre 2016 - 20 gennaio 2017

 
 
RASSEGNA

13/12//2016
ADNKronos

13/12/2016
Ansa

13/12/2016
Corriere della Sera

14/12/2016
Il Messaggero

13/12/2016
Il Sole 24 Ore

15/12/2016
Italia Oggi

13/12/2016
La Gazzetta del Mezzogiorno

14/12/2016
La Notizia

13/12/2016
L'Arena

14/12/2016
La Repubblica

21/12/2016
Radio Vaticana

14/12/2016
RDS

15/12/2016
Trova Roma

Dal 14 dicembre 2016 al 20 gennaio 2017 il Palazzo del Quirinale ha ospitato, nella Palazzina Gregoriana, la mostra “Il Presepe. Religiosità e tradizione popolare” in cui è stato esposto al pubblico il monumentale Presepe napoletano proveniente dalle collezioni del Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma.
L’origine di questo Presepe, con centinaia di figure e di elementi architettonici di corredo, settecenteschi e ottocenteschi, è legata alla storia del nostro Paese in quanto fu raccolto dall’etnologo Lamberto Loria nel 1911 per il Cinquantenario dell’Unità d’Italia.

Esporre questa mirabile opera d’arte, frutto dell’altissima qualità dell’artigianato partenopeo, nella “Casa degli Italiani”, il Quirinale, ha voluto essere oltreché la riconsegna al vasto pubblico di un patrimonio culturale di grande importanza, il modo migliore per riportare il Presepe alla sua originaria motivazione di testimonianza della antica tradizione artistica e religiosa del tutto italiana.
La Mostra ha voluto rappresentare inoltre, in occasione delle ricorrenze natalizie, il miglior auspicio per un mondo socialmente riconciliato e pacificato tra Oriente e Occidente nella notte della Natività. Il grandioso impianto scenografico del Presepe di 35 mq. comprende mercanti, nobili e ricchi signori vestiti con abiti di stoffe pregiate ai quali si affianca la raffigurazione di una umanità varia e multiforme di cui fanno parte poveri, mendicanti e molte altre figure destinate a rappresentare la vita quotidiana e le molteplici attività svolte nelle strade di Napoli tra ‘700 e ‘800.

L’allestimento espositivo ha offerto una spettacolare e continua scoperta di scorci architettonici e antiche rovine disposti tra scale, vie, piazze e mercati, assieme ai particolari minimi della vita di popolo, agli interni delle case e delle botteghe, ad oggetti, animali e piante di ogni genere in cui immaginazione e realtà si confondono nel “Mistero” incantato della Natività.
La Mostra, curata dal Museo delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma e promossa dall’’Associazione culturale Musadoc, è stata resa possibile dal sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dai contributi della Fondazione Terzo Pilastro–Italia e Mediterraneo, dell’Assessorato allo Sviluppo e Promozione del Turismo della Regione Campania, dell’Associazione Civita e di Unipol Gruppo Finanziario.




Sito realizzato da
AFTER S.r.l.
Associazione Culturale MUSADOC - Via Antonio Bertoloni 55 • 00197 Roma • Tel. 068070645 • Fax 068412740